Negozio di calcio online «Diego Costa furioso- guadagna troppo meno rispetto a Griezmann»

«Diego Costa furioso: guadagna troppo meno rispetto a Griezmann»
Secondo i media spagnoli l'attaccante si sarebbe vista rifiutare una richiesta d'aumento di stipendio e avrebbe minacciato l'addio: «Non posso prendere 12 milioni in meno del mio partner d'attacco»
MADRID- Atletico Madrid alle prese con la grana Diego Costa. Secondo "Marca", l' Uniforme da calcio attaccante ispano-brasiliano, tornato un anno fa dopo l'esperienza al Chelsea, avrebbe chiesto un aumento d'ingaggio che il club non gli ha concesso e avrebbe minacciato di andare di nuovo via. Il giocatore èfurioso per la differenza di trattamento col partner d'attacco Antoine Griezmann: 8 milioni di euro netti a stagione per lui contro i 20 riconosciuti al francese. A Diego Costa sta bene che il compagno di squadra guadagni piùdi lui ma, per quanto visto sul campo, ritiene che una differenza cosìabissale sia ingiusta. Fabbrica di abbigliamento da calcio (ha collaborato Italpress)

Ronaldo si prende la Liga: è il nuovo patron del Valladolid

Maglie da calcio a buon mercato «Di Maria vuole lasciare il Psg e si offre all'Atletico Madrid»

«Di Maria vuole lasciare il Psg e si offre all'Atletico Madrid»
In Spagna sicuri: l'argentino avrebbe chiamato più volte il tecnico e suo connazionale Simeone, per offrirsi come possibile rinforzo dei colchoneros
MADRID – Via da Parigi e ritorno in Spagna, anzi proprio a Madrid. Secondo il sito del quotidiano "AS" è questo l' Negozio di calcio online obiettivo di Angel Di Maria, centrocampista argentino che ha vestito la maglia del Real dal 2010 al 2014 e che adesso flirta con l'Atletico, tanto da aver chiamato più volte il suo connazionale Diego Pablo Simeone, per offrirsi come possibile rinforzo dei colchoneros. Il "Cholo" ha grande stima per il 30enne nazionale albiceleste, ma per il giornale spagnolo al momento quella sognata da Di Maria, è una trattativa molto complicata. Presa di maglie di calcio a buon mercato (Ha collaborato Italpress)

Maglia da calcio personalizzata «Di Maria chiede un ingaggio di 12 milioni per rinnovare con il Psg»

«Di Maria chiede un ingaggio di 12 milioni per rinnovare con il Psg»
Secondo la stampa spagnola l'argentino avrebbe fatto una richiesta considerata eccessiva dal club campione di Francia
MADRID (SPAGNA) – Angel Di Maria e il Psg verso il rinnovo? Sembrava di sì, ma adesso pare che la strada verso la firma si sia messa in salita. Fabbrica di maglie da calcio Secondo la stampa spagnola, infatti, l'argentino avrebbe chiesto un ingaggio da 12 milioni netti a stagione, una richiesta ritenuta eccessiva dal club campione di Francia per un giocatore di 30 anni. Protagonista fin qui di un'ottima stagione (6 gol e tre assist), Fabbrica di abbigliamento da calcio Di Maria sarebbe nel mirino di alcuni club inglesi pronti a soddisfarne le richieste economiche. (Ha collaborato Italpress)

Maglia da calcio personalizzata «De Laurentiis vuole comprare anche l'Hajduk Spalato»

«De Laurentiis vuole comprare anche l'Hajduk Spalato»
Clamorosa indiscrezione che arriva dalla stampa croata. Il presidente del Napoli lo avrebbe confidato a un cronista di 'Slobodna Dalmacija', principale quotidiano di Spalato
ZAGABRIA – Aurelio De Laurentiis, proprietario del Napoli e del Bari, ha espresso interesse ad acquistare l'Hajduk Spalato, la famosa squadra di calcio dalmata, che vive attualmente gravi problemi finanziari e gestionali. "Se mi date l'opportunità compro l'Hajduk", ha detto De Laurentiis a un giornalista della 'Slobodna Dalmacija', Maglietta da calcio principale quotidiano di Spalato, e la notizia è subito rimbalzata come sensazionale su tutta la stampa croata.

De Laurentiis e figli in posa con San Nicola

De Laurentiis era a Spalato per partecipare all'assemblea della ECA (Associazione dei Club Europei). "Certo che conosco l'Hajduk, ha giocato una amichevole con il Napoli", ha detto, aggiungendo comunque: "Piano, piano, ho appena acquistato il Bari, ma questo non significa che non sono interessato all'Hajduk, bisogna vedere come stanno le cose, trovare una formula". Il club croato attraversa in periodo difficile, con seri problemi finanziari, Negozio di calcio online ripetuti cambi ai vertici societari, ma anche proteste dell'associazione dei tifosi, la Torcida, che detiene una quota della squadra.

Verdi finisce nel presepe napoletano

De Laurentiis: “Bari in Serie A il prima possibile”

Camicie da calcio in vendita «Dall'Atletico nessuna offerta di rinnovo per Godin». E la Juventus spera…

«Dall'Atletico nessuna offerta di rinnovo per Godin». E la Juventus spera…
Secondo la stampa spagnola i 'Colchoneros' non si sono ancora mossi per prolungare il contratto del 32enne difensore uruguagio, in scadenza nel 2019 e corteggiato dai campioni d'Italia
MADRID (SPAGNA) – I tifosi della Juventus possono sperare, perchéil futuro di Diego Godin resta un'incognita. Secondo il quotidiano spagnolo "As", Negozio di calcio online al contrario di quanto emerso nelle ultime ore, non solo non ci sarebbe l'accordo per il prolungamento del contratto ma non ci sarebbe nemmeno alcuna proposta di rinnovo da parte dell'Atletico Madrid per il 32enne centrale uruguaiano nel mirino dei campioni d'Italia dove già si sentono i benefici dell'effetto Cristiano Ronaldo, sul mercato ma anche sui social e negli store del club. Prima del Mondiale, i 'Colchoneros' avrebbero ribadito al giocatore la propria politica in materia di contratti per i calciatori che hanno superato la trentina, ovvero un prolungamento annuale da far scattare al raggiungimento di determinati obiettivi.

Juventus, Cristiano Ronaldo incontra i compagni di squadra

Le parti si erano date appuntamento a dopo il Mondiale ma da allora non sarebbe cambiato nulla. Godin, in scadenza nel 2019, vorrebbe rimanere all' Negozio di maglie da calcio Atletico ma la Juventus non molla la presa: in caso di partenza di uno fra Rugani e Benatia, la Juve punterebbe sull'uruguaiano al quale offrirebbe un contratto lungo, pagando i 20 milioni di euro della clausola rescissoria.

(in collaborazione con Italpress)

Cristiano Ronaldo: “E’ stato facile scegliere la Juve”

Maglie da calcio a buon mercato «Da Agnelli 28 telefonate- così Cristiano Ronaldo ha dato la sua parola alla Juventus»

«Da Agnelli 28 telefonate: così Cristiano Ronaldo ha dato la sua parola alla Juventus»
Secondo la stampa spagnola e portoghese la differenza di atteggiamento tra il presidente bianconero e Florentino PErez, numero uno del Real, è stata decisiva per arrivare al sì di CR7
ROMA – Da una parte Florentino Perez, con cui i rapporti si sono deteriorati ormai definitivamente, dall’altra Andrea Agnelli che lo ha fatto sentire importante. Una differenza che – secondo la stampa spagnola e portoghese – alla fine è stata decisiva nel convincere Cristiano Ronaldo a prendere la decisione di lasciare il Real. «Agnelli lo ha chiamato 28 volte – rivelano i lusitani di ‘Record’ – e la deferenza e il rispetto mostrate dal presidente di un grande club come la Juventus ha impressionato CR7». Di certo non è stata una questione di soldi e lo spiega bene ‘Marca’: «Cristiano Ronaldo – si legge sull’edizione online del quotidiano madrileno – è il terzo sportivo più Maglie da calcio online pagato al mondo e tra ingaggio e sponsor la sua ‘industria’ fattura più di 100 milioni all’anno. Il suo addio al Real non dipende dunque dai soldi, anche perché alla fine il club ‘blanco’ gli garantirebbe gli stessi 30 milioni che guadagnerebbe alla Juventus. A convincere CR7 a dare la sua parola ai bianconeri è stato invece il modo in cui Andrea Agnelli si è rapportato con lui, chiamandolo 28 volte per trasmettergli questo messaggio: Cristiano e solo Cristiano è l’uomo che può fare ancora più grande un club storico come la Juventus e portare la Champions League a Torino».

Cristiano Ronaldo è già della Juve nel presepe!

Una differenza abissale rispetto al recente rapporto con Florentino Perez: «La goccia che ha fatto traboccare il vaso è stata l’abbassamento della clausola rescissoria da un miliardo a 100 milioni, che Ronaldo ha vissuto come una mancanza di rispetto. Negozio di calcio online Un rispetto che ha trovato invece subito a Torino con il tributo dello Stadium e la corte serrata di Agnelli, Fattori che hanno portato a dare la sua parola alla Juventus, una parola che per lui ha lo stesso valore di una firma».

Negozio di calcio online «Cristiano Ronaldo vuole 80 milioni all'anno per restare al Real Madrid!»

«Cristiano Ronaldo vuole 80 milioni all'anno per restare al Real Madrid!»
Secondo i media spagnoli l'attaccante portoghese avrebbe fatto una richiesta shock alla dirigenza merengue. Ecco tutti i dettagli
ROMA – Va bene l'amore e il senso d'attaccamento ad un club e alla sua storia. Alla fine, però, a fare la differenza sono sempre i soldi. Sempre e soltanto loro. Non fa eccezione il caso Cristiano Ronaldo. I fatti sono noti: l'attaccante del Real Madrid al triplice fischio dell'ennesima finale di Champions vinta contro il Liverpool ha dichiarato: «E' stato un onore giocare con il Real». Boom. L'equivalente di una bomba termonucleare sul mercato. I media di tutto il mondo riprendono solo le parole del portoghese con la Champions merengue messa quasi in secondo piano. «Ma come – si chiedono in molti – Ronaldo ha un contratto fino al 2021 a 21 milioni di euro all'anno e ora vuole andare via?». Domanda legittima ma un po' ingenua.

I motivi sono due: Messi e Neymar. Sempre e solo loro. Le ossessioni di Ronaldo. Maglia online personalizzata Nella folle gara a chi ce l'ha più grosso (lo stipendio, si intende), i due precedono il vate di Funchal. Un'onta impossibile da lavare per un giocatore così ambizioso e (giustamente) pieno di sè. Eccola allora la strategia. Chiara e cristallina. Chiedere l'ennesimo aumento al presidente Perez con la Champions League ancora in mano. Senza farlo direttamente, è ovvio. Basta una dichiarazione, un segnale per scatenare l'inferno. Secondo ' El Confidencial ', il portoghese, attraverso il suo rappresentante Jorge Mendes, ha chiesto al Real Madrid un ingaggio da 80 milioni di euro lordi (ottanta milioni, meglio ripeterlo). Per gli amanti del netto: siamo intorno ai 50. Per tre stagioni. Niente male per un calciatore di 33 anni che ha più volte annunciato di voler giocare fino a 40 anni. Per il presidente Perez sarebbe un esborso da 240 milioni di euro lordi. Tanto per farsi un'idea: il denaro stanziato dal Real per pagare Ronaldo è il 60% del budget complessivo degli ingaggi della rosa. Se dovesse accettare la richiesta, Maglie calcio online quella percentuale aumenterebbe a dismisura con tutte le ripercussioni del caso (una fila di procuratori fuori dalla porta del presidente pronta a battere cassa). Inoltre dare 260 milioni a CR7 vorrebbe dire ridurre drasticamente gli spazi per nuovi acquisti. Neymar (guarda caso) in primis.

Real Madrid, pronti 400 milioni per Neymar

Camicie da calcio in vendita «Cristiano Ronaldo sempliciotto e puerile, vada pure»

«Cristiano Ronaldo sempliciotto e puerile, vada pure»
Lo scrittore Javier Marias: «Gli manca l'intelligenza di Di Stefano, Zidane o Cruyff. Arrabbiarsi con lui sarebbe come prendersela con un bambino di cinque anni»
ROMA – «Dal punto di vista umano è un sempliciotto, gli manca l'intelligenza di Di Stefano o Cruyff o Zidane. È così privo di modestia che dovrebbe suscitare antipatia (tutti ricordano le dichiarazioni in cui assicurava di essere invidiato perché è bello, ricco e il migliore di tutti). La cosa curiosa è che non arriva nemmeno a fare antipatia, per quanto risulta puerile. La sua presunzione manca di spavalderia e risentimento, a differenza per esempio di Maradona. Arrabbiarsi con lui sarebbe come arrabbiarsi con un bambino di cinque anni che sta muovendo i primi passi nel mondo forgiandosi una personalità», lo scrittore Javier Marias, tifoso del Real, in una intervista a Vanity Fair non è tenero con Cr7 del quale, dice, a Madrid non avranno nostalgia.

Cristiano Ronaldo in bianconero anche su Fifa 19

«Il suo è un caso davvero paradossale – le parole di Marias – Si sarebbe dovuto dedicare a uno sport individuale (tennis, boxe, atletica, Formula 1: ha l'atteggiamento di un Cassius Clay), e tuttavia gli è Knitting piccolo prezzo toccato distinguersi in un gioco collettivo, un impiccio per lui. Ha ambizioni immense, ma solo a titolo individuale. Ovviamente, è felice che la sua squadra vinca, ma solo perché questo gli garantisce un riconoscimento in più sulla maglietta, un titolo in più sul curriculum, un record in più nella sua collezione privata. Sul campo l'abbiamo visto quasi infastidito, quasi triste, tutte le volte che il Real metteva a segno un gol importante, perfino decisivo, e non aveva segnato lui ma un compagno. Quando invece l'autore della prodezza era lui, l'abbiamo visto atteggiarsi in modo eccessivamente ridicolo e vanitoso, togliendosi la maglietta ed esibendo i muscoli in tensione, ululando come una scimmia, curandosi di schivare il più possibile i compagni di squadra per godersi da solo gli applausi e l'esagerata celebrazione». «Non ricordo di averlo mai sentito ringraziare o complimentarsi con un suo compagno – aggiunge – nemmeno con chi gli aveva servito un gol su un piatto d'argento con un passaggio inverosimile e astuto. Cristiano è rimasto al Real per nove stagioni, ma non l'abbiamo mai sentito come un giocatore del Real Madrid, piuttosto del Real Ronaldo. Come se nella sua immaginazione fosse un eccellente tennista o boxeur, che ha però bisogno di altre persone in divisa intorno a sé Maglie da calcio . La Juventus non si deve certo aspettare che Ronaldo lotti per i suoi colori. A meno che non sia convinto che la maglia a righe bianconere gli stia particolarmente bene».

Cristiano Ronaldo: “La Juve è stata l’unica offerta”

Maglie da calcio «Cristiano Ronaldo alla Juve per 100 milioni!»

«Cristiano Ronaldo alla Juve per 100 milioni!»
Secondo i media spagnoli il Real Madrid accetterà l'offerta bianconera per l'asso portoghese
MADRID – "Cristiano Ronaldo è sempre più lontano dal Real, e a meno di inversioni di tendenza (non impossibili) il prossimo anno giocherà nella Juventus". Marca insiste, ed evocando fonti ben informate assicura che il club di Florentino Perez è costretto ad accettare l'offerta di acquisto, che al momento vede in pole il club bianconero. Se infatti nel contratto di Ronaldo è inserita una clausola di 1.000 milioni di euro, una scrittura privata tra giocatore e Perez impegna il Real a non ostacolare la cessione se il giocatore lo chiede e se arriva un'offerta congrua: che a questo punto, sarebbe di 100 milioni al club e 30 netti a stagione al giocatore. Nella scrittura, si porrebbe un veto alle 'rivali dirette', e su questo Ronaldo punterebbe per facilitare la cessione alla Juve.

«E' UNA SUGGESTIONE» – Cristiano Ronaldo alla Juventus è una "suggestione". È quanto si apprende da un'autorevole fonte del club bianconero. Il dubbio principale riguarda la sostenibilità economica del trasferimento dell'asso portoghese dal Real Madrid: il costo del cartellino del cinque volte Pallone d'Oro è superiore ai 100 milioni di euro e il suo ingaggio è di circa 21 milioni, circa 3 volte di quanto percepisce Gonzalo Higuain. Da valutare anche la volontà di Cristiano Ronaldo: vuole davvero lasciare il Real Madrid con cui ha vinto 4 Champions, di cui le ultime tre consecutive, oppure vuole solo strappare un contratto ancora più faraonico? Jorge Mendes infatti starebbe trattando il rinnovo di contratto con il presidente Florentino Perez.

ULTERIORI CONFERME – E' la trasmissione tv spagnola ‘El Chringuito’ de " Camicie da calcio in vendita La Sexta" a aggiungere ulteriori particolari: «Cristiano va via dal Real Madrid che accetterà l’offerta di 100 milioni della Juventus. Per il fuoriclasse portoghese è tempo di dire addio dopo aver vinto l’impossibile. Non va via per soldi perché il club gli ha offerto tutto ciò che aveva chiesto, è soltanto finito un ciclo. E lui è stato un grandissimo protagonista. Ora bisognerà preparare l’addio. Un addio all’altezza di Cristiano Ronaldo».

Cristiano Ronaldo, la Juventus fa sul serio

Stamattina la stampa spagnola e quella portoghese avevano svelato le prime indiscrezioni, assicurando che la Juve avrebbe già iniziato le trattative per tentare di portarlo a Torino: «Proposti quattro anni di contratto per un totale di 120 milioni di euro fino al 2022. La clausola di CR7 è di quelle impossibili (1 miliardo) ma la Juve e il giocatore sanno che il trasferimento potrebbe concretizzarsi per cifre molto inferiori anche perché ci sarebbe un accordo non scritto per far sì che il prezzo del cartellino possa abbassarsi notevolmente. Il presidenteAgnelliavrebbe chiamato Cristiano più volte e la sintonia tra i due sarebbe totale. La sfida del giocatore più forte del pianeta adesso è quella di vincere laChampionscon una maglia diversa rispetto a quella del Real».

¡LA NOTICIA DEL AÑO en EXCLUSIVA en #JUGONES! @Cristiano SE VA A LA JUVENTUS por 100 MILLONES de euros. pic.twitter.com/bpyLJfboCd
— El Chiringuito TV (@elchiringuitotv) 3 luglio 2018

All'affare Ronaldo si affiancherebbe, sempre secondo la stampa spagnola, la cessione di Gonzalo Higuain. «E il prescelto è Ronaldo- si legge -.Cristiano è entusiasta alla possibilità di giocare alla Juve. Sa che lasciare Madrid è come scendere di un gradino, ma allo stesso tempo considera che in blanco ha già Presa maglie di calcio fatto tutto, che la sua avventura è finita e che in Italia può continuare la sua storia. Adesso manca soltanto l'accordo tra Juve e Real per il trasferimento».

Uniforme da calcio «City Liverpool e Tottenham su Milinkovic-Savic»

«City, Liverpool e Tottenham su Milinkovic-Savic»
In Inghilterra sicuri: il centrocampista della Lazio nel mirino dei grandi club
LONDRA – Le big della Premier League tengono d'occhio Sergej Milinkovic-Savic. Secondo il "Mirror", Maglie da calcio a buon mercato in occasione della vittoria della Lazio sul Genoa per 4-1, osservatori di Manchester City, Liverpool e Tottenham erano sugli spalti dell'Olimpico per osservare da vicino il 23enne centrocampista serbo. Al momento, però, non ci sarebbe alcuna offerta concreta. Maglia da calcio personalizzata (Ha collaborato Italpress).

Inzaghi: “Sconfitta meritata”